Albero che no ga’ raise more presto - itAdria

itAdria

Albero che no ga’ raise more presto

Foto Gallery

Albero Che No Ga’ Raise More Presto

Ciao, arieccomi!…. l’altra volta ve go lasà col proverbio:
Albero che no ga’ raise more presto”; un assunto di nostalgia contenente l’essenza, il sentimento di un popolo costretto a migrare ma che ama visceralmente la sua terra d’origine, le so raise. Vi siete mai chiesti perché nessuno viene mai ad investire in Polesine? In questo meraviglioso Delta, sempre decantato come meraviglia della natura, per condividerne la sua bellezza morgana? Ci tornano solo i pensionati nostalgici che dopo essere stati migranti lavoratori si fanno prendere dalla nostalgia delle loro radici, dai ricordi delle vasche serali coi amissi dei ani 60, dele postà sul ponte de Castelo a veder pasar le putele, ma na volta tornai no i ritrova più i bei tempi pasai e perdui , i se ritrova in solitaria malinconia a ricordar “ Adria Mia” .

Adria Basilica
I giovani migrano come gli uccelli, come già avevano fatto i loro genitori e prima ancora i loro nonni e bisnonni. Dal dopoguerra al dopo alluvione, sempre lo stesso motivo per migrare! La mancanza cronica di lavoro!. Lo dovranno fare anche adesso nel 2021 e la chiameranno: – la migrazione del dopo COVID; perché i nostri giovani, dopo aver bussato a tutte le porte, esasperati e umiliati, non sapendo cos’altro tentare sono costretti ad allargare il perimetro delle loro ricerche lavorative, un po’ come fanno i nostri connazionali un pò in tutta Italia, sentendosi spesso dimenticati da chi conta davvero per risolvere i loro problemi.

Panorami Del Delta
Eppure, anche il Delta, con una popolazione di quasi 240 mila abitanti, quando se ze in odor de votazion el fa gola a tuti. E, varda un po’ in te chel preciso frangente, quando i se costretti a fruar le sole de le scarpe andando su e sò par le vie e le caresà per slongarte in man el “santin” pro memoria, alora deventemo tutti boni! e, malguaia che i te lo slonga senza stare ziti. No! Ghe vien proprio fora dala boca tutte chele parole che, ancora i no lo sa, i se dovarà rimagnare. E, sforsandose de parlar in dialetto per meterse, i pensa lori, al to livelo, i sproloquia: ”Se ghe sarò mi andarà meio tuto! Ze tempo de cambiar! La vecia politica l’è morta! No la gà più senso! Superando anche la soglia del bon gusto e spinsendose a prometer che… se el ghe sarà lu el portarà le imprese, le infrastrutture, el turismo, el lavoro cussì che i zovani no’ i sara’ più costretti a migrar”… e…. “Avanti col Santo che la procesion s’ingruma”…..

Cicloturisti
Peccato che le cose non sempre vadano per il verso giusto e a solo pochi mesi dall’elezione il baldo politico ha sempre una motivazione per giustificare il suo impedimento ad adempiere alle sue promesse da ….marinaio. E chiudo con altri due proverbi che sono la sintesi di quanto finora detto: Per chi è costretto ad andare:
“MIGRANTE MA NO’ PER PASSION!” Per chi ha il coraggio di restare una pillola di speranza : “A L’OMBRA DEL SO CAMPANIL NO’ SE MOR DE FAME”

Albero che no ga’ raise more presto ultima modifica: 2021-03-25T21:53:46+01:00 da Silvia Trevisan

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
To Top
1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x