ITINERARI LO SAPEVI CHE STORIE

La Vaca Mora e il suo storico binario: la linea ferroviaria Adria-Venezia

Maxresdefault

Non è certamente attualmente un’eccellenza di cui vantarsi troppo, ma rappresenta in se e per se, uno strumento per il futuro turistico della città. Un collegamento privilegiato diretto con Venezia che merita attenzione e maggiore considerazione. Strumento molto spesso dimenticato, da noi adriesi come mezzo  di trasporto pubblico; perché numerose volte inefficiente e poco servito in orari e carrozze. Come redazione, ripercorriamo la sua storia convinti che la centenaria linea ferroviaria possa divenire nel futuro un potenziale strumento di rilancio delle nostre vie di comunicazione esistenti: ahimè, poche e a volte mal gestite.

La storia del collegamento diretto con Venezia.

Image.jpg?f=detail 558&h=530&w=960&$p$f$h$w=dab5dab

La linea Piove di Sacco-Adria fu inaugurata nel 1916; il prolungamento da Piove di Sacco a Mestre iniziò nel 1929 e si concluse nel 1931 (l’inaugurazione ebbe luogo il 28 ottobre 1931, in occasione del nono anniversario della marcia su Roma); il collegamento con Venezia avviene nel 1938. È a binario unico a scartamento standard, e non è elettrificata. Il treno (e per estensione la linea) è conosciuto come Vaca Mora, dal nome con cui venne chiamata la prima locomotiva a vapore, che non superava i 40-45 km all’ora.

Utilizzo misto passeggeri e merci

Adria-Venezia Linea Ferroviaria

Usata sia per il trasporto di passeggeri che di merci (serviva lo zuccherificio di Pontelongo, gli stabilimenti della Mira Lanza e le fabbriche di Porto Marghera), dagli anni Ottanta la linea porta praticamente solo passeggeri. Solo dal  2003 però, durante la stagione di raccolta delle barbabietole, è riattivato il binario di raccordo con lo zuccherificio di Pontelongo.

Viaggiare con la storia ma molto spesso con mezzi storici

La linea Adria-Venezia

È indubbio che chi utilizza la linea dedicata tra la nostra città e Venezia, per lavoro o per studio si imbatte ogni giorno in mille difficoltà. Molto spesso littorine in ritardo e con mezzi che mostrano tutte le rughe dell’età della ferrovia che percorrono. Non offrendo, proprio comodità e tecnologia magari servita su tratte più frequentate e per questo snobbata e poco utilizzata; ma che resta nell’immaginario di ognuno quando da ragazzini, ci si fermava ai caselli, a vederla meravigliati sferragliare sui binari o la si prendeva, con tutta la famiglia per recarsi al carnevale di Venezia.

Eccezione nello scenario ferroviario italiano

Ferrovia Adria Mestre

La linea Mestre-Adria è un’eccezione nello scenario ferroviario italiano, e per rendersene conto è necessario percorrere ad andatura lenta, perché la lentezza è quella che permette di assaporare ogni dettaglio, i 57,010 chilometri di questa linea; se poi si ha la fortuna di trovare in partenza la vecchia Littorina gialla e blu, livrea dell’importante Società Veneta, il viaggio è reso ancor più folcloristico, sempre che si abbia la pazienza di sopportare la mancanza dell’aria condizionata e il rumore del motore diesel.

Riferimenti Bibliografici da E. Noale, Memorie di passaggi. Patrimonio ferroviario e storia territoriale intorno alla tratta Mestre-Adria, tesi di laurea, rel. F. Vallerani, Università Ca’ Foscari Venezia, a.a. 2011-2012.

Doati Marco

Autore: Doati Marco

Molta osservazione e poco ragionamento conducono alla verità, molto ragionamento e poca osservazione conducono all’errore. (Alex Carrel)

La Vaca Mora e il suo storico binario: la linea ferroviaria Adria-Venezia ultima modifica: 2019-01-11T10:30:54+01:00 da Doati Marco

Commenti

To Top