GLI ADRIESI RACCONTANO ADRIA

itAdria

coronavirus NOI ADRIESI

Adria raccontata mezzo social: una vivacità davvero inaspettata!

Adria raccontata. Stiamo trascorrendo molto del nostro tempo attuale tra le mura domestiche, nostro malgrado; e abbiamo modo perciò di apprezzare le nuove tecnologie. Anche i più restii e puri causa forza maggiore, cioè a causa del virulento covid-19 che si è introdotto nella nostra società nel modo più subdolo possibile, contaminandoci fino alla pandemia; si sono arresi allo smartphone o al computer.

Macchina fotografica e computer

Questo anche solo per comunicare ed esprimersi con amici e cari. Angosce, paure, condivisione di passioni; le più svariate trovano libero sfogo ora nelle pagine e gruppi social di Facebook. Ma in particolare una iniziativa social ci ha colpito! Il gruppo Facebook denominato; La Mi Adria in tel silenzio. Perché ne parliamo? Nella sua semplicità e nelle immagini condivise tra l’altro bellissime; che i propri iscritti al gruppo postano, notiamo una autentica passione per la propria città e delle sue bellissime frazioni. Il nome del gruppo rappresenta l’autentica sintesi di un amore per la propria località anche in questi particolari momenti.

Adria Canalbianco
Adria- Veduta del Canalbianco e dei suoi ponti

Adria raccontata mezzo social: una vivacità davvero inaspettata! La Mi Adria in tel silenzio

Cercando tra le informazioni del gruppo troviamo la seguente motivazione sulla sua costituzione : “Gruppo Temporaneo riservato ad ADRIA e Frazioni per condividere assieme i nostri luoghi deserti in un momento storico come questo“. Mai più succinta motivazione può trovare a nostro avviso piena spiegazione della sua costituzione. Immagini raccolte che rimarranno nella storia della nostra città per sempre, ognuno dalla propria abitazione o nel perimetro di 200 mt. come da ordinanze esistenti. Momenti in immagini che speriamo servano a ricordare un brutto periodo, e non possano più ritornare una volta cessata l’epidemia.

Adria Via Amendola
Adria – Via Amendola deserta (foto Anna Pavanin )

La Mi Adria in tel silenzio: i followers.

Abbiamo chiesto ad una delle più assidue follower del gruppo Anna Pavanin di condividere le sue motivazioni con noi; avendo aderito al gruppo social La MI Adria in tel silenzio. Anna tu sei una delle più assidue, nel postare foto davanti alla tua abitazione, in questo particolare momento. Ci spieghi il motivo?: ” Certo, stiamo vivendo un momento anche se pur drammatico; unico nella nostra esperienza umana.

Ospedale Civile Di Adria
Adria – Ospedale Civile

Non esco di casa che pochissime volte, adempiendo esattamente a quello che ci viene chiesto nelle ordinanze per il bene di tutti. Molto spesso per evitare di uscire ci dividiamo le commissioni tra amici ottimizzando le uscite. Fotografare e postare nel gruppo La MI Adria in tel silenzio i vari momenti della mia giornata e in tutte le prospettive della mia abitazione con pure il perimetro esterno; di giorno di notte, mi rende ancora più consapevole e responsabile che ognuno di noi ha un compito, la salvaguardia dell’altro.

Via Amendola Giorno
Adria- Parco Baden Powell (Foto Anna Pavanin)

Documentare le vie insolitamente deserte e prive di apparente vita proprio davanti alla tua casa; sono una grande testimonianza. Ma nel contempo, ti accorgi di particolari mai notati nella tua via, che magari non avresti mai fotografato in tempi normali“. Quindi Anna, una occasione di scoprire di nuovo la tua città!: “Si ovviamente io, per perimetro della mia via, ma mettendo insieme tutte le foto di tutti ognuno; sia che si abiti in città o nelle nostre bellissime frazioni, stiamo raccogliendo un album stupendo ed unico nel suo genere. Album fotografico che porteremo attraverso le sue immagini nel nostro cuore; ricordando i caduti di questa triste guerra con un male misterioso che ci ha condizionato la vita, ma ci ha fatti riscoprire angoli bellissimi della nostra Adria … raccontata in tel silenzio“.

Adria raccontata mezzo social: una vivacità davvero inaspettata! ultima modifica: 2020-04-06T08:50:00+02:00 da Doati Marco
To Top