GLI ADRIESI RACCONTANO ADRIA

itAdria

INTERVISTE SITI RELIGIOSI

Cattedrale una Pasqua diversa! Don Nicola ci guida nel viverla

Don Nicola Brancalion Min

Ci stiamo avvicinando alla Santa Pasqua. Un turbinio di emozioni ci sta avvolgendo, chiusi in casa, nostro malgrado, molte domande ci sovvengono sul nostro presente; ma ancor di più sul nostro futuro prossimo. Abbiamo voluto chiedere perciò a Don Nicola Brancalion vicario parrocchiale delle Cattedrale una riflessione ed un aiuto alla comprensione del storico momento, che stiamo vivendo. Una intervista personale questa, per conoscere anche un po’ di più lui; come uomo e giovane sacerdote nella nostra comunità da fine 2018. Ed ora, riferimento parrocchiale fondamentale. Cattedrale una Pasqua diversa!

Santi Pietro e Paolo - interno della Chiesa cattedrale di Adria
Interno della Cattedrale di Adria con sullo sfondo la pala dedicata ai santi Pietro e Paolo

Cattedrale una Pasqua diversa! Don Nicola ci guida nel viverla

Chi è Don Nicola Brancalion. Nato a Rovigo 33 anni fa, cresciuto nella parrocchia del Duomo, che fino al 2001 è stata guidata da mons. Antonio Donà. Terminati gli studi superiori presso la Ragioneria, ha lavorato per quattro anni presso un istituto di credito. Nell’ottobre 2010 ha intrapreso il percorso di formazione presso il SeminarioSan Pio X” di Rovigo, retto all’epoca da mons. Antonio Donà. Dopo i sei anni di formazione (accademica e spirituale), nel giugno 2015 è stato ordinato presbitero da mons. Soravito e confermato Vicario parrocchiale presso l’Unità Pastorale di Badia Polesine. Realtà nella quale era già inserito da due anni come Accolito e Diacono.

Don Nicola
Don Nicola insieme agli scout

Per Don Nicola vicario presso la chiesa di Badia, sono stati cinque anni di buona palestra pastorale, guidati dalla sapienza di mons. Torfino Pasqualin e dall’energia di don Alex Miglioli. Nell’autunno 2018 il vescovo Pavanello gli ha chiesto di prendere il posto di don Luca Borgna in Cattedrale, nella quale ha nuovamente ritrovato mons. Donà.

Un Giovane Sacerdote che regge la Chiesa Madre della Diocesi

Una responsabilità importante Don Nicola quella di reggere la chiesa madre della diocesi, oltre che essere la parrocchia più numerosa della città; aggravata in questo momento dalla congiuntura pandemica, come la vive?; ” L’impossibilità da parte dell’Arciprete di portare avanti la Parrocchia è arrivata molto repentinamente. Di fatto, dalla scorsa Vigilia di Natale, un peso gravoso è stato posato sulle mie spalle. Fortunatamente alla fine di febbraio il Vescovo ha nominato un Amministratore Parrocchiale nella persona dell’attuale Vicario Generale della Diocesi il quale, da Rovigo, ha il compito di coordinare le varie realtà parrocchiali (Amministrazione, scuola dell’infanzia, teatro Ferrini, il cantiere del Museo e il Centro Giovanile).

Una cattedrale tra le più grandi e belle
Adria- Chiesa Cattedrale tra le più grandi del Veneto

A me è rimasto il compito, non indifferente, di curare l’aspetto pastorale (catechesi, sacramenti, esequie, Centro Giovanile) e la Liturgia della Cattedrale. L’attuale pandemia ha ridotto sensibilmente questo mio impegno perché ha comportato la chiusura del Centro Giovanile e la sospensione di tutte le attività pastorali e liturgiche (in forma pubblica). Gli attuali impegni riguardano il mantenimento dei contatti con le persone, gli incontri digitali con i giovani, la celebrazione in forma molto ridotta delle esequie, la stesura e diffusione di strumenti per la preghiera in famiglia e, in questi ultimi giorni, la preparazione delle celebrazioni pasquali che, pur essendo a porte chiuse, richiedono comunque energie, soprattutto per il fatto che vengono trasmesse in diretta come, del resto, anche le S. Messe di ogni giorno“.

Il rapporto con gli adriesi: riscontro e disponibilità raccolta quale giovane sacerdote

Don Nicola ci racconti del rapporto con gli adriesi sia fedeli che non. Come li vede, trova collaborazione e disponibilità in loro anche se giovane sacerdote?: “Essendo la città di Adria abbastanza grande e servita da ben quattro parrocchie, è difficile avere una visione generale degli adriesi. Tuttavia, qui in Cattedrale, ho potuto constatare che ci sono diverse realtà attive e ben affiatate, composte da persone che non hanno paura di mettersi in gioco. Certo, ogni tanto serve una qualche forma di aiuto da parte dal Pastore, ma generalmente c’è una buona organizzazione e una discreta autonomia. Del resto, è questo che il Vescovo chiede ai sacerdoti e ai fedeli della Diocesi in questi ultimi anni. Anche con l’Amministrazione comunale c’è un buon rapporto di collaborazione e stima“.

Centro Govanile Adria
Adria- Centro Giovanile Don Nicola con alcuni giovani

Siamo in un periodo storico unico e drammatico nello stesso tempo, lei giovane sacerdote guida spirituale nella parrocchia che rappresenta la storia diocesana in occasione della Santa Pasqua cosa si sente di comunicare a tutti e in particolare ai cittadini adriesi?Siamo in tempi difficili, davvero, che comportano una sfida e un ripensamento importante del nostro vivere quotidiano e alle nostre relazioni.

Img 2840

Questa Pasqua è in sé unica perché credo che mai nella storia del cristianesimo le chiese di mezzo mondo (se non più) siano rimaste totalmente vuote e silenziose come sta accadendo oggi. E’ un lungo, lunghissimo “sabato santo”. Tuttavia la Risurrezione del Signore che celebreremo nei prossimi giorni deve essere un messaggio di speranza per tutti quanti, perché lì, dove c’è fatica, dove c’è sofferenza, malattia e morte, prima o poi giungerà anche la rinascita. Dobbiamo solo avere pazienza e attenerci alle regole per uscire vincitori anche da questa battaglia che non avrà il sopravvento su di noi e far rifiorire le nostre vite, possibilmente meglio di prima”.

Cattedrale: una Pasqua vissuta in streaming a porte chiuse!

Il programma delle celebrazioni pasquali in cattedrale sarà in streaming quali le modalità per seguire le celebrazioni e orari ?: “Da qualche settimana ho accettato la sfida di trasmettere quotidianamente in diretta le celebrazioni (ovviamente a porte chiuse) dalla Cattedrale. All’inizio non è stato facile per problemi di connessione internet e di audio; inoltre si è reso necessario creare una pagina Facebook parrocchiale che prima non esisteva. Tuttavia noto che i fedeli apprezzano e ci seguono, unendosi a noi in preghiera.

Settimana Santa In Cattedrale

Generalmente le S. Messe sono alle 18.30 dal lunedì al venerdì e alle 10.30 il sabato e la domenica.Da domenica abbiamo iniziato solennemente la Settimana Santa con la celebrazione delle Palme. Per il Triduo Pasquale gli orari saranno leggermente diversi: giovedì alle 17 trasmetteremo la S. Messa nella Cena del Signore; venerdì, sempre alle 17 la Celebrazione della Passione del Signore e l’adorazione della Croce; sabato sera, alle ore 21 la solenne Veglia Pasquale e domenica mattina, alle ore 10.30, ci sarà il vescovo Pierantonio per celebrare la Pasqua virtualmente assieme ai fedeli adriesi. Un programma intenso, che è possibile seguire collegandosi al linkhttps://www.facebook.com/cattedralediadria/.

Cattedrale una Pasqua diversa! Don Nicola ci guida nel viverla ultima modifica: 2020-04-08T08:50:00+02:00 da Doati Marco
To Top