EDIFICI STORICI LO SAPEVI CHE MONUMENTI

La voce della Diocesi di Adria: la torre campanaria della Cattedrale dei Santi Pietro e Paolo

Campane 2

Con i suoi 60 metri di altezza eretta nel 1686, il feudo vescovile adriese poteva far sentire la propria voce ed attraverso le sue gigantesche campane, il richiamo alla gloria di Dio. Incastonato tra le sue pietre da secoli in latino è incisa l’iscrizione: «questa sacra torre è stata elevata a gloria di Dio ottimo massimo e dei Santi Pietro e Paolo Pietro con la chiave ci apporti ogni bene Paolo con la spada allontani ogni male Anno 1686». La torre si presenta a pianta quadrata con cella aperta da finestroni arcuati a tutto sesto e cuspide a cipolla poligonale rivestita di rame.

Adria la torre campanaria della Chiesa Cattedrale (foto Marco Doati)

La prima veduta della torre ritratta dallo Zanolivani risale al 1770

Img 2984

Nell’immagine  incisa dallo Zaballi (qui sopra nel cerchio) si intravede la torre stilizzata mentre è ancora in funzione al vecchia cattedrale con l’abside rivolta ad oriente. Nei secoli la torre è sempre rimasta corpo a se stante, e mai integrata o ravvicinata a nessuna struttura.

Adria la torre campanaria che sovrasta la città (foto Andrea Micheletti)

Torre a protezione degli elementi, più volte colpita da potenti fulmini e più volte ricostruita

L’attuale torre campanaria fu colpita più volte nell’arco dei secoli. Più precisamente: nel 1860 il campanile rimase senza cuspide fino al ripristino definitivo avvenuto nei primi anni del 1900. A causa dell’ultimo fortunale la statua di San Pietro colpita da un fulmine fece cadere le chiavi dalla mano del Santo. Una di queste chiavi recuperata da terra da un Adriese all’epoca è stata custodita gelosamente dallo stesso fino ai nostri giorni. All’apertura del museo della cattedrale nel 2015 la stessa, però, è stata riconsegnata dalla famiglia all’opera museale. Attualmente è posta in una teca all’interno del museo. Il fine espositivo è di far comprendere le proporzioni della statua del Santo al di sopra della cuspide alla dimensione (già di per sé enorme) della chiave.

Campane Produzione

Quattro campane per dare Gloria a Dio e invocare la protezione dal Cielo

Le Campane attualmente sono 4 di cui 3 del 1891 della fonderia Colbachini di Bassano e la più recente è del 1965 della Pontificia Fonderia di Padova. Sulla prima la maggiore, tradotta dal latino sono incise le seguenti frasi: «esaudisci, Signore, la voce del tuo popolo; la voce del Signore in eccellenza, la voce del Signore in magnificenza; Signore, liberaci dalla folgore e dalla tempesta; Signore, liberaci dalla pestilenza, dalla fame e dalla guerra; affrettatevi genti, ascoltate la parola di Dio».

Curiosità sulla torre

Dal 1686, epoca della costruzione della torre, una leggenda adriese che ricorre è che l’imponente statua di San Pietro che si erge sulla cuspide, sia stata posta volutamente a dare le spalle alla città di Rovigo eterna rivale.

Doati Marco

Autore: Doati Marco

Molta osservazione e poco ragionamento conducono alla verità, molto ragionamento e poca osservazione conducono all’errore. (Alex Carrel)

La voce della Diocesi di Adria: la torre campanaria della Cattedrale dei Santi Pietro e Paolo ultima modifica: 2018-10-16T10:30:20+00:00 da Doati Marco

Commenti

To Top