EVENTI NEWS

Destinati all’Estinzione, il comunale di Adria ospita Angelo Pintus

Cropped Angelo Pintus.jpg

Destinati all’Estinzione, il comunale di Adria ospita Angelo Pintus. Il noto comico di Colorado e Zelig, ricordando il travolgente spettacolo all’Arena di Verona, riprende il nuovo tour scegliendo tra i suoi palcoscenici il prestigioso Teatro Comunale di Adria con due date consecutive, il 6 e 7 dicembre 2019. Il maestoso Teatro Adriese, con Angelo Pintus, sicuramente fa un passo importante per rientrare, dopo un periodo di assenza nel circuito dei teatri italiani di emozioni e di pregio nazionale.   

Destinati all’Estinzione, il comunale di Adria ospita Angelo Pintus

La città si riappropria con questo evento di uno degli spettacoli ad alto gradimento di pubblico, per artista, genere e soprattutto di pubblico giovane. Di fatto il valore culturale, testimoniato da luoghi dedicati e scelti dall’organizzazione di Pintus come i Teatri, posizionano Adria ancora oggi, come un luogo dedicato e predisposto ad ospitare la cultura e spettacoli di diverso spessore e dimensioni. 

Angelo Pintus Ph Michela Albert Ritratti Angelo Pintus Da Select 09
ph Michela Albert

Due giorni quindi il 6 e 7 Dicembre per contenere i tantissimi appassionati dell’artista già conosciuto al grande pubblico per i suoi trascorsi televisivi in trasmissioni dall’alta percentuale di share. L’organizzazione si attende indiscutibilmente dall’evento, due sold out ad entrambi gli spettacoli programmati sul suolo adriese.

Un tour che ha già attraversato l’Italia e un pezzo di Europa

Sicuramente numeri da paura sono stati già macinati. Si parla di 170.000 spettatori e già di 140 repliche per Destinati all’Estinzione questo è quanto ha dichiarato Angelo Pintus presentando personalmente il nuovo tour. Ringraziando tutti per avere raccolto finora numeri così importanti e ricordando che la data della ripartenza è fissata il 31 Ottobre 2019 dal Teatro Galleria di Legnano.

Angelo Pintus Ph Angelo Redaelli 125k
ph Angelo R,

Gli 800 posti del Comunale attuali comunque sono una garanzia per un teatro che all’apice della sua attività nel recente passato contava sulla capienza di ben 1200 posti a sedere (uno dei più grandi del Veneto ricordiamo). Oggi purtroppo, ridotti per esigenze di sicurezza, ma che comunque già con questo numerodi posti, ad artisti quali Pintus a cui piace il contatto con i propri fans, possono garantire un sicuro effetto di co-partecipazione allo spettacolo dei partecipanti alle battute e al divertimento proposto.

Destinati all’Estinzione: cosa ci racconta Pintus attraverso questo spettacolo

Descrivendo il contenuto dello spettacolo Pintus anticipa: “C’è chi parla con il cane e lo fa mentre lo veste. C’è chi guida mentre manda messaggi con il cellulare. Chi vuole fare la rivoluzione ma la fa solo su Facebook e chi parcheggia la macchina nel posto riservato ai disabili tanto sono solo 5 minuti. C’è chi festeggia il complemese, chi dice ciaone e chi fa l’Apericena. Ma soprattutto c’è chi crede che la terra sia piatta e probabilmente si è anche convinto che la colpa sia di Silvio. Sono questi i piccoli segnali che fanno presagire un ritorno… quello dei Dinosauri” Infine sentenzia lo stesso artista: “Amici miei, che ci piaccia o no, siamo destinati all’Estinzione”.

Informazioni e Notizie relative agli spettacoli del 6-7 Dicembre:

Destinati all'Estinzione Angelo Pintus

DALVIVO SRL: www.dalvivoeventi.it – info@dalvivoeventi.it

Viale Garibaldi, 63/A – 30173 Mestre (Ve) -Tel. 041.5369810 – Fax 04.5352402

Info e Biglietti: www.vivaticket.it – www.ticketone.it

Platea € 35,00 + € 4,00 d.p.
Palchi € 32,00 + € 4,00 d.p.
1 Galleria € 30,00 + € 3,00 d.p.
2 Galleria € 30,00 + € 3,00 d.p.
Ufficio Stampa: +39 333.2878474 – gianniravarro@yahoo.it

Doati Marco

Autore: Doati Marco

Molta osservazione e poco ragionamento conducono alla verità, molto ragionamento e poca osservazione conducono all’errore. (Alex Carrel)
Destinati all’Estinzione, il comunale di Adria ospita Angelo Pintus ultima modifica: 2019-08-07T08:30:06+02:00 da Doati Marco

Commenti

To Top