Francesco Antonio Bocchi, un evento per riscoprire la sua figura - itAdria

itAdria

ITINERARI PERSONAGGI

Francesco Antonio Bocchi, un evento per riscoprire la sua figura

Museo Civico Bocchi

Francesco Antonio Bocchi, familiarmente chiamato Chechìn, è ricordato come uno degli storici più importanti della nostra Città.  La passione per l’archeologia e per la storia locale è trasmessa dalla famiglia. Sia il padre Benvenuto che lo zio Francesco Girolamo sono, infatti, al contempo, narratori della loro epoca e indagatori delle tracce del passato. In particolare a Francesco Girolamo si deve l’origine del Museo di famiglia che è alla base della nascita dell’attuale Museo Archeologico Nazionale. Francesco Antonio lo dirigerà dal 1852. La famiglia Bocchi ha arricchito in modo significativo anche la Biblioteca Comunale di Adria. Un fondo della stessa è costituito dalla Biblioteca Popolare Circolante sorta nel primo ‘900, intitolata a Francesco Bocchi. Un altro è costituto dalla biblioteca della stessa famiglia.   

Quest’anno ricorre il bicentenario della nascita

Nell’anno in cui ricorrono i 200 anni dalla nascita (1821 – 2021), è giunto il momento di riscoprire l’eclettica figura di Francesco Antonio Bocchi. Di lui si conoscono gli aspetti che appartengono soprattutto all’uomo erudito. Numerosi sono, infatti, le sue opere di carattere storico-geografico. È noto, inoltre, che il padre lo iscrive in un collegio a Padova, città in cui egli frequenta il corso biennale di filosofia. Nel 1847 si laurea in giurisprudenza ed è proclamato dottore fra i giuristi. Nel frattempo Francesco Antonio convola a nozze con Giacinta Campolongo di Padova verso la quale nutre un amore profondo. È cultore e studioso delle memorie patrie. Diventa socio dell’Istituto Filarmonico di Adria. È altresì socio corrispondente dell’Accademia dei Concordi di Rovigo. Presta, inoltre, il suo insegnamento presso il Ginnasio adriese fino alla sua morte avvenuta nel 1888.

Francesco Antonio Bocchi

L’aspetto meno conosciuto del Bocchi è quello legato alle suggestioni romantiche della sua epoca e agli amori travagliati della sua vita. La passione per Giulia Pagan, che non è ben vista dalla famiglia, la relazione con Bice de’ Lardi sono solo alcuni degli esempi. Francesco Antonio ama, inoltre, il ballo e il canto. È esperto delle danze più alla moda come il galòp, che prende il nome dal galoppo del cavallo, e il valzer.

Un itinerario per scoprire il lato umano e inedito di Francesco Antonio Bocchi

Un itinerario molto originale per scoprire i lati nascosti e inediti di Francesco Antonio Bocchi è proposto in occasione della Notte bianca delle Biblioteche. L’evento, inserito nel programma del Settembre Adriese è previsto per venerdì 10 settembre. Una prima parte, che prende il via alle 20,45 presso Giardin Zen, è incentrata su un’intervista impossibile a Francesco Antonio impersonato per l’occasione da Claudio Zanforlin del Tanbarelo. Altri interpreti saranno Monica Stefani ed Elena Crepaldi. La seconda parte consiste in una passeggiata culturale, una sorta di itinerario per scoprire i luoghi di Francesco Antonio. Si farà tappa presso: la casa natale, la biblioteca comunale, il ginnasio, il museo archeologico nazionale. A conclusione un brindisi filolitrico in Piazza Marino Marin su cui si affacciava il primo museo civico intitolato al Bocchi.

Francesco Antonio Bocchi Locandina Itinerario

Ogni evento prevede una prenotazione separata. Per la passeggiata i posti sono limitati a circa una trentina. La partecipazione ai due eventi è gratuita. Per l’adesione è necessario rivolgersi alla Pro loco (aperta dalle 10 alle 12) o si può chiamare il numero 327 3610567. Si può mandare anche un sms o messaggio Wathsapp.

Francesco Antonio Bocchi, un evento per riscoprire la sua figura ultima modifica: 2021-09-08T01:07:39+02:00 da Letizia Guerra

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Promuovi la tua azienda in Italia e nel Mondo
To Top
1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x