INTERVISTE NATURA

Un lavoro meraviglioso: le guide ambientali del Delta del Po

Cropped I Colori Del Delta Del Po.jpg

Un lavoro meraviglioso in un paradiso naturale , per le 5 storiche guide ambientali nella riserva della biosfera riconosciuta dall’UNESCO. Loro nel Delta ci lavorano e vivono, in questo splendido habitat. Abbiamo perciò deciso in redazione, di incontrare ed intervistare uno dei primi pionieri di questa avventura, Nicola Donà. Nicola è di Adria ed è una delle prime storiche guide ambientali del Parco del Delta del Po. Lo scopo di questa intervista è quindi di conoscere questo splendido lavoro, a totale contatto con le meraviglie della natura.

Un lavoro meraviglioso: guida ambientale una passione

Nicola Donà con turisti americani
Nicola Donà al centro insieme a due turisti americani

A Nicola Donà abbiamo chiesto chi è la guida ambientale; “È Guida Ambientale Escursionistica o Guida Naturalistica, per attività professionale chi accompagna persone singole o gruppi in ambienti naturali . In totale sicurezza, a piedi o con altro mezzo di locomozione non a motore (fatto salvo l’uso degli stessi per raggiungere i luoghi di visita). Assicurando ovviamente anche la necessaria assistenza tecnica e svolgendo attività di didattica, educazione, interpretazione e divulgazione ambientale ed educazione alla sostenibilità“.

Una passione più che un lavoro

Che cosa prevede Nicola, in pratica l’attività, della Guida Ambientale Escursionistica nel Delta; ” Semplificando: guida nella descrizione, la spiegazione e l’illustrazione degli aspetti ambientali, naturalistici, antropologici e culturali del territorio. Con le connotazioni scientifico-culturali, conducendo in visita le persone tra pianura e acquatici, anche antropizzati, compresi parchi ed aree protette. Nonché ambienti o strutture espositive di carattere naturalistico, ecoambientale, etnologico ed ecologico, allo scopo di illustrarne gli elementi, le caratteristiche, i rapporti ecologici. Ovviamente anche il loro legame con la storia e le tradizioni culturali ed enogastronomiche. Le attrattive paesaggistiche, e di fornire elementi di sostenibilità e di educazione ambientale“.

Un lavoro meraviglioso: vivere il Delta guidati da chi lo conosce da sempre

Nicola, come sono organizzati tra loro le guide del Delta; “Personalmente faccio parte di un gruppo storico formato da  Danilo Trombin, Sandro Vidali, Isabella Finotti, Eddi Boschetti, Alberto Fioravanti. Tutti ambientalisti convinti, provenienti da aree diverse. Chi dalla LIPU, chi dal WWF, chi da altri movimenti storici, tutti legati però ad un’unica icona, il Delta del Po.

Toni Gnan-Tramonto In Sacca Scardovari
Tramonto in sacca di scardovari (foto Toni Gnan)

Il racconto di un incontro…

(Segue..) Ognuno di noi prima della nascita del parco, accompagnava gruppi di persone nel Delta del Po. Per pura passione o per un minimo di rimborso spese. Così come, per i vari progetti di educazione ambientale svolti di volta in volta nelle scuole dell’area deltizia. Nel tempo poi, abbiamo avuto la fortuna di conoscere altri appassionati come noi. Questi ci hanno aiutato a crescere e con cui abbiamo creato varie collaborazioni per arrivare all’organizzazione dei giorni nostri.

Toni Golena S.antonio Contarina
Golena di S. Antonio (foto Toni Gnan)

(segue..) Vorrei ricordare ora un nostro grande maestro; Marino Cacciatori detto Caparin. Direi una delle prime guide del Delta. Ultimo traghettatore sul Po. Nella seconda metà degli anni ’80, con molto coraggio investì sul turismo fluviale. In quella foce di cui conosceva ogni angolo, ogni uccello, ogni singola canna, facendo costruire una delle prime imbarcazioni da crociera fluviale la “Venere” con la capienza di 177 persone“.

Un lavoro meraviglioso, immersi nella natura incontaminata

Quante sono le guide Nicola, che operano attualmente nel Delta del Po; ” Nell’elenco provinciale sono 44 gli iscritti. Nel periodo scolastico, il più affollato. In giorni particolari ci possono essere in servizio 20 – 25 guide. Poi durante l’anno, sono una decina che operano quasi costantemente. Io e il mio amico- collega Sandro Vidali invece, siamo legati alle tradizioni. D’inverno facciamo una pausa e ci dedichiamo alla roncineria. L’antica arte di fare i salami in casa come si è sempre fatto“.

Toni Scardovari
Scardovari (foto Toni Gnan)

Programmi esclusivi e itinerari unici con esperienze innovative

Quali posso essere Nicola alcune delle esperienze, consigliate da provare nei vostri programmi nel Delta. ” Io posso proporre per esempio una giornata di birdwatching. Per osservare in natura fenicotteri rosa, colonie di aironi, cormorani, marangoni minori, fraticelli, sterne, gabbiani corallini e decine di altre ancora”. 

Danilo Fenicotteri
Fenicotteri nel Delta (foto Toni Gnan)

Proposte per tutti i gusti l’elenco:

Isabella Finotti offre per esempio quale esperienza ENOnsolo trekking. Il piacere di scoprire con semplici e salutari camminate. Le sinuosità degli argini del Po, rilassanti isole sabbiose, dolci declivi delle dune fossili. Pinete dove coniugare tradizioni, natura e … sapori, quelli veri.

un lavoro meraviglioso
Tipico canneto del Delta del Po (foto Toni Gnan)

Alberto Fioravanti invece propone uscite in canoa. Nei luoghi più remoti e meno raggiungibili del Delta. Scivolando in stretti canali nei canneti tra mille canti dei passeriformi e le frecce azzurre, il Martin pescatore.

Idee in movimento nel Delta

Per gli amanti della bicicletta, Sandro Vidali propone Eridano, idee in movimento. Lo stesso ha messo a punto una serie di percorsi che accontentano tutte le gambe; itinerari intermodali bicicletta e barca. O lungo la suggestiva via delle valli che saprà raccontarti, alla sua maniera, incantandoti, con una passione unica.
Eddi Boschetti e Roberto Guzzon conoscono come le loro tasche l’Oasi golena di Panarella e l’Oasi golena di Cà Pisani. Ma possono accompagnare chiunque in tantissimi altri posti del Delta. Roberto, inoltre accompagna anche a cavallo. 

Per Co.Se.del Po, Elisabeth Merli, Ilaria Ruggini risultano le migliori guide di uno dei posti più belli del Parco del Delta del Po. Il Giardino Botanico Litoraneo di Porto Caleri. Con loro si scopre il profumo del bosco in riva al mare. Uno degli ultimi tratti di costa Adriatica ancora ben conservati . Sempre per “Co.se. del Po”, nel sito archeologico di epoca romana di San Basilio di cui Mara Santarato è la guida ufficiale. In una magica cornice si può visitare con lei, la chiesetta Romanica, il sito archeologico con scavi aperti di una villa romana e le dune fossili.

un lavoro meraviglioso
Caleri (foto Toni Gnan)

Sara Bianchi è la nostra interprete ufficiale. Anche lei guida naturalistica patentata, ottima allieva. Cresciuta nei nostri ranghi, può accontentare tranquillamente chi parla francese, inglese e tedesco” Continua Nicola; “Queste sono solo una parte di quanto possiamo proporre rispetto a tante altre escursioni che si possono fare nel Delta, ognuna, di volta in volta studiate per le varie esigenze  di chi vuole vivere, con emozione, il Delta del Po

Doati Marco

Autore: Doati Marco

Molta osservazione e poco ragionamento conducono alla verità, molto ragionamento e poca osservazione conducono all’errore. (Alex Carrel)
Un lavoro meraviglioso: le guide ambientali del Delta del Po ultima modifica: 2019-07-08T08:50:03+02:00 da Doati Marco

Commenti

To Top