CULTURA LO SAPEVI CHE

Shakespeare ispirato dall’Adriana di Luigi Groto? Pare di sì!

Murales

Shakespeare era davvero inglese o invece siciliano di Messina? Il suo vero nome era Michelangelo Florio Crollalanza? Molti ne sono certi, dopotutto della sua vita si sa poco, e certamente non parlava bene inglese. Eppure la storia è molto più complessa e passa per Adria.

Shakespeare Vs Luigi Groto

Shakespeare sembra che non abbia creato dal nulla Giulietta, che potrebbe essere stata una donna ribelle nata e cresciuta ad Adria. Stiamo parlando di una tragedia dal titolo “Adriana”, che tratta lo stesso argomento, scritta da Luigi Groto e pubblicata una quindicina d’anni prima di Shakespeare. La Hadriana di Luigi Groto, composta quando l’autore aveva circa vent’anni, fra il 1560 e il 1561, è pubblicata solo nel 1578; costituisce uno dei più alti esempi di tragedia manierista.

Shakespeare - immagine di Groto
Luigi Groto

Lo è per l’uso di un linguaggio metaforico, che usa tutto l’ampio repertorio di figure retoriche, per l’alternarsi di momenti visionari, con scene di gusto sepolcrale. Nonostante il tema sia lo stesso, la struttura della storia è completamente diversa. In questa tragedia “italiana”, Giulietta non è l’eroina sensuale e timida che ritroviamo nella versione inglese; ma una donna tenace e decisa a rivendicare il diritto di amare liberamente.

Luigi Groto noto in Inghilterra

Le molteplici stampe che si succedettero dell’opera italiana, dal 1578 al 1626 dimostrano che questa tragedia ebbe un grande successo editoriale, di pubblico; superando tutti gli altri componimenti teatrali del Groto. Tali stampe segnarono una tappa importante nell’evoluzione del dramma nell’Inghilterra elisabettiana. Quando Shakespeare scrive Romeo and Juliet fra il 1593 e il 1596, la Hadriana ha già avuto quindi diverse edizioni.

Shakespeare - Libreria
libreria anglosassone

In quel momento la fama del Cieco d’Adria è ben consolidata in Inghilterra, dove permarrà intatta fino almeno agli inizi del secolo successivo. Tuttavia l’opera del Groto, nonostante le molte ristampe seicentesche, è poi caduta nell’oblio e al giorno d’oggi, è nota solo la versione Shakespeariana. La vicenda dei due amanti di Verona, Il Groto la riporta a un’ambientazione romana, a partire dal titolo stesso: Adriana, evidente omaggio alla sua città natale. Così Verona diventa la antica Adria, i Montecchi Capuleti: Latini.

Luigi Groto mentore per gli anglosassoni

Frate Lorenzo, è un non meglio identificato mago persiano. Il Groto vuole rivestire la vicenda di un’atmosfera classica. D’altronde sarà solo durante l’ottocento, come reazione al neoclassicismo, che si comincerà a gettare una visione positiva sul medioevo; e a rivalutare le opere dello stesso Shakespeare, e di quelle vicende trattate.

Shakespeare - Romeo e Giulietta
Romeo e Giulietta

La Adriana del Groto è stata inghiottita nel gorgo della dimenticanza ed è bene riordinare un po’ le carte. A questo certamente ha contribuito la complessità del linguaggio poetico barocco, di difficile fruizione per il lettore contemporaneo. Quello che stupisce ripercorrendo, la storia di questo eclettico artista Adriese e che sia stato davvero la guida della drammaturgia internazionale, tanto da ispirare i più dotati. Se ne deduce quindi che sicuramente in Inghilterra l’opera “Hadriana” sia stata letta da quello che è il più grande drammaturgo che l’Inghilterra conosce.

Michelangelo Florio o William Shakespeare

William Shakespeare, la cui trama è più nota sotto il titolo di “Giulietta e Romeo“, non solo ebbe modo di leggere la “Hadriana”; ma gli fu possibile vederla rappresentata da compagnie di comici italiani. Secondo studi accreditati, il drammaturgo inglese si chiamava Michelangelo Florio, ed era figlio di un medico e di una nobile siciliana, Guglielma Crollalanza; da cui la traduzione è William Shakespeare.

Shakespeare - Messina
Messina

A suo tempo, il “Times”, in un articolo di Richard Owen, si occupò con toni entusiastici della vicenda, secondo cui il vero Shakespeare nacque a Messina. Era il 23 aprile 1564 e il padre era Giovanni Florio, medico e pastore calvinista. Ricordiamo inoltre che nei registri della scuola secondaria di Stratford, la “Grammar School”, non compare un William Shakespeare. Si sa che l’artista frequentasse a Londra un “Club In”. In quel club, però, non risulta registrato fra i soci nessuno “Shakespeare”, mentre risulta registrato Michelangelo Florio!

Simona Aiuti

Autore: Simona Aiuti

Mi chiamo Simona Aiuti, sono giornalista, web editor e autrice di romanzi. La scrittura è parte di me; amo la letteratura, esplorare i mutamenti del costume, la storia, lo sport, e l’arte. Mi piace visitare i musei, le mostre. Sono affascinata dall’inconoscibile e curiosa del mondo.
Shakespeare ispirato dall’Adriana di Luigi Groto? Pare di sì! ultima modifica: 2019-06-25T07:07:35+02:00 da Simona Aiuti

Commenti

To Top