GLI ADRIESI RACCONTANO ADRIA

itAdria

ITINERARI NATURA

Ora il rilancio di Artesurra è possibile: il progetto consegnato alla città

Artessura da oasi da sogno a progetto realizzabile-Panorama

Vuoi aggiungere delle "Foto" a questa sezione? Aggiungi

Entusiasmo, nutrita partecipazione di cittadini e sentito coinvolgimento di tutti per il polmone verde della città. L’occasione della presentazione del progetto di trasformazione in un vero e proprio percorso naturalistico della località Artessura adriese, si è svolta sabato 23 Febbraio in Sala Cordella. Un bel lavoro di squadra quello del neo-costituito gruppo adriese ambiente e natura. Un successo che vede anche itAdria compartecipi, come media ufficiali dell’evento. Questo bel progetto ora è carico di una responsabilità oggettiva da parte dell’attuale amministrazione per la sua effettiva attuazione. Mettere mano al luogo più frequentato dagli adriesi per le proprie attività sportive e di passeggiata nella natura incontaminata fino ad ora, rappresenta una sfida interessante per lo sviluppo della città anche in termini di turismo naturalistico.

Molti gli ospiti intervenuti per dare una nuova vita al polmone verde della città

Artessura da oasi da sogno a progetto realizzabile-relatori

Adria- Conferenza presentazione progetto Artessura i relatori

Ad illustrare le nuove proposte per migliorare e valorizzare al meglio la località a tema i relatori intervenuti : Danilo Trombin, nota guida turistica del delta del Po, Letizia Guerra presidente della ProLoco di Adria, Eddi Boschetti del WWF e Omar Barbierato primo cittadino della città etrusca, hanno dato ampia dimostrazione di conoscere alla perfezione la morfologia e storia del territorio in questione. La cosa preminente nell’esposizione è che il percorso artessura come progetto di rilancio potrà raccordare e migliorare le strutture esistenti quali aree sosta e torre per il birdwatching senza investimenti faraonici  riposizionandoli  in luoghi più adeguati per la loro reale futura fruizione. Conglobando nel percorso proposto inoltre, Corte Guazzo e il suo parco ormai semi abbandonato.

Località Artessura tra natura e cultura

Artessura da oasi da sogno a progetto realizzabile-Panorama (foto O.Perzolla)

Adria Artessura- Panorami (foto O.Perzolla)

La tematica oggetto della conferenza si è sviluppata dopo le presentazioni di rito del consigliere comunale Vicentini Simone, da Danilo Trombin. Lo stesso ha quindi illustrato all’interessata assemblea l’importanza dal punto di vista naturalistico della località Artessura. Spiegando in particolare come quest’area delimitata a nord dal Canal Bianco e a sud est dal vecchio tracciato della ferrovia sia un area caratterizzata da una vasta complessità faunistica.

In quest’area è infatti presente, ha spiegato minuziosamente, Danilo Trombin una diversificazione di piante e animali molto importante per un area che si trova a ridosso di un centro urbano. Non solo, la località in questione ha anche molta storia alle sue spalle. La nota guida turistica, ha spiegato infatti che l’area dell’Artessura è già censita in un documento del 1338. Oltre tutto, cosa non da poco attualmente essere inserita di diritto nel parco del Delta del Po. Inoltre nel perimetro vi sono altri punti d’interesse storico  per esempio il ceppo commemorativo dedicato a due partigiani caduti durante la seconda guerra mondiale. Anche la stessa vecchia ferrovia, come ha spiegato Trombin è un punto di interesse storico illustrando la vecchia planimetria del tratto ferroviario che vi transitava attraverso. Tracciato che può essere riutilizzato per integrare il percorso attuale. Successivamente all’intervento di Danilo Trombin è intervenuta anche il presiedente della ProLoco Letizia guerra che ha spiegato anche altre curiosità e peculiarità storiche su questo affascinate percorso situato nella città di Adria.     

Sinergia e collaborazione la ricetta del successo

Artessura da oasi da sogno a progetto realizzabile-Conferenza la sala

Adria conferenza Artessura- il pubblico presente

Intervenuto poi Eddi Boschetti, presidente del wwf provinciale di Rovigo. Durante la sua esposizione quest’ultimo ha illustrato tra i tanti argomenti, l’importanza di creare collaborazione tra enti che seguono progetti simili. Infatti, secondo Eddi Boschetti collegare questo progetto con altre realtà analoghe è una mossa importante per arrivare all’obbiettivo. Questo creerebbe poi una serie di eventi positivi che contribuirebbero a far diventare l’Artessura un vero e proprio punto d’interesse per il turismo polesano ed adriese. La forma di turismo che una realtà come quella dell’artessura offre al visitatore è poi una turismo esperienziale. Che come spiegato precedentemente da Letizia Guerra ben si contestualizza in questo 2019. Che è stato decretato come l’anno del turismo Slow.

In conclusione, l’intervento del sindaco che ha ricevuto il progetto

Artessura da oasi da sogno a progetto realizzabile- Omar Barbierato

Artessura-L’intervento del sindaco Omar Barbierato.

A chiudere questa importante serata è infine l’intervento del sindaco Omar Barbierato. Il primo cittadino ha ribadito perciò l’importanza di creare una collaborazione sinergica con altre realtà simili. Ma non solo, anche con altri paesi limitrofi che abbiano progetti come questo. Questo contribuirebbe sicuramente a rendere il nostro territorio una vera e propria meta turistica.

Infatti, nel suo intervento finale Barbierato afferma: « Noi pensiamo, che quello che una buana amministrazione debba fare sia quello di liberare energie competenze all’interno delle proprie linee programmatiche. Quindi, all’interno dell’ambiente, all’interno del turismo e all’interno della cultura. Questo progetto quindi si integra e si sposa alla perfezione con quelle che sono le nostre idee amministrative».

Ha poi proseguito: «Noi nel nostro piccolo ci stiamo infatti muovendo, proprio per creare una rete con altre realtà del territorio. Proprio per capire cosa abbiamo in comune e cosa possiamo valorizzare insieme mediante progetti che riguardino l’ambiente, la cultura e il turismo. Facendo così crescere il nostro territorio. Penso dunque, che questo sia un importante progetto in cui credere in cui mettere entusiasmo e passione. Quindi grazie a voi e noi saremo al vostro fianco.»

Ora quindi tutti si attendono, sia attuato al più presto questo interessante progetto perché il polmone verde cittadino sia appetibile anche da chi fa turismo in cerca di parchi e oasi naturali nell’anno del turismo Slow.

Si ringrazia per le foto e il video Artessura Olivo Perzolla

Ora il rilancio di Artesurra è possibile: il progetto consegnato alla città ultima modifica: 2019-02-26T13:02:40+01:00 da Matteo Corazza
To Top