Curiosità sulle chiese e oratori del Delta del Po da scoprire - itAdria

itAdria

CHIESE STORIA

Curiosità sulle chiese e oratori del Delta del Po da scoprire

Chiesa Di Corbola

Curiosità sulle chiese e oratori del Delta del Po. In un precedente articolo abbiamo parlato delle chiese, oratori, capitelli del Delta del Po e la loro orientazione astronomica. Come si diceva, fino al XVI secolo le chiese avevano un chiaro e determinato orientamento. Entrata a ovest, abside a est, si pregava in quella direzione, il sacerdote girava le spalle ai fedeli, anche lui rivolto a Est. ” Dove nasce il sole, il nuovo giorno, la vita, la resurrezione …. “

Oratorio Mazzucco Antonio Perego
Oratorio Mazzucco (Ph. Antonio Perego)

Curiosità sulle chiese e oratori del Delta: Le chiese che guardano il fiume

Dopo aver abbandonato l’orientazione astronomica, nel nostro viaggio da Polesella a Pila, abbiamo notato come tante di queste guardino il fiume. Al tempo il Po era una via di comunicazione, così come gli argini, da li giungevano i fedeli, la facciata della chiesa ad attenderli. La chiesa era facile da vedere, e da raggiungere, in genere sotto l’argine.

Le chiese dei miracoli.

Tra le chiese elencate nel precedente articolo alcune di queste hanno delle particolari storie legate a miracoli. La chiesa di Mazzorno sinistro, chiesa di San Rocco pellegrino. Attorno alla fine del 1700 una epidemia di colera che colpì questi luoghi, In concomitanza della festa di San Rocco, protettore degli appestati, (16 agosto) in tutte le parrocchie della zona veniva deciso di non fare riunioni per timore del contagio. Ciò venne osservato ovunque, meno che a Mazzorno, dove ebbero luogo le funzioni religiose e la processione con grande afflusso degli abitanti che sfilarono per le vie del paese portando a spalla la statua del santo. Da quel giorno, si dice, il colera cessò a Mazzorno a differenza delle altre zone dove continuò ad infierire fino a novembre.

Curiosità sulle chiese e oratori del Delta  Ro Frazione Di Mazzorno Sinistro Chiesa Di San Giorgio Web.jpg
Chiesa di San Rocco. Orientamento astronomico e facciata che guarda il Po.

Curiosità sulle chiese e oratori del Delta del Po: La Madonna del vaiolo

Sono passati 134 anni da quel lontano 27 gennaio 1887 gennaio e ancora oggi, ogni anno,in questa data, dalla chiesa di San Francesco d’Assisi, parte una processione solenne. Il 27 gennaio 1887 fu deciso di comune accordo tra il Sindaco dell’epoca Ulisse Casalicchio e il Parroco Don Nordio di riunire i capo famiglia ancora sani, di portare in processione per le vie del paese la statua della Madonna della Salute e invocare la grazia per far finire l’epidemia e così fù.”

La Madonna mutilata

L’episodio miracoloso di Cavanella Po. Il 2 aprile del 1945 a Cavanella ebbe luogo un bombardamento che colpì la scuola e la chiesa. Uno spezzono sfondò il tetto e penetrò nell’edificio religioso stipato di fedeli. Nessuno fu colpito. Solo una Madonna con Bambino rimase danneggiata (vennero amputate le braccia). Tutti pensarono a un miracolo. Decisero, quindi, di non restaurare la statua e di chiamarla Madonna mutilata.

Chiesa di San Basilio, l’unguento miracoloso

Si tratta di una piccola chiesa eretta nel IX secolo dai benedettini di Pomposa. Nel 1718 il vescovo Varia constatò che la colonna trasudava olio miracoloso. Si racconta che le puerpere con problemi di allattamento fossero solite recarsi di notte all’interno della chiesa. Qui si scioglievano le trecce dei capelli e intingevano le ciocche nell’umore che trasudava dalla colonna, implorando il ritorno del latte.

Curiosità sulle chiese e oratori del Delta San Lorenzo Canalnovo
Canalnovo, chiesa di San Lorenzo XVII sec. edificata sopra una precente del 1260 dai monaci benedettini.

Curiosità sulle chiese e oratori del Delta del Po.

Oratori: S.Antonino da Po, Porto Viro.

La tradizione dice che il Capitello fu costruito sul terreno occupato da una pianta di fico tra le cui foglie fu trovata impigliata, forse portata da una piena del fiume una statuetta di Sant’Antonio . Per dimensioni e luogo la statuetta non potè che essere chiamata “San Antonino da Po“. Gli abitanti del luogo raccolsero con devozione la statuetta qualcuno se la portò a casa. Si dice che per ben tre volte abbiano portato in casa la piccola statua e per tre volte, al mattino, la ritrovassero sul fico. La Comunità decise cosi di costruire un piccolo capitello in legno, che andò in fiamme più volte, mentre la statuetta rimaneva illesa. Nell’alluvione del 1951 l’unica zona risparmiata dall’acqua, fu la golena dove si trova il capitello. Pare, che già alla metà del 1800, in questo posto fosse presente una chiesetta.

Oratorio di San Bellino, Corbola

Nella terra dei tre fiumi, nell’isola di Ariano, tra il Po Grande e il Po di Goro, tra il comune di Corbola e Ariano polesine, sorge un oratorio dedicato a San Bellino. Lo citiamo per essere il nostro patrono, Adria e Rovigo, e per la tradizione di mettere un fiocco rosso al collo dei nostri pelosi, i cani. Vi invitiamo a leggere questo interessante articolo della nostra redazione.

Curiosità sulle chiese e oratori del Delta Santantonin Da Po
Oratorio di S.Antonino da Po

Curiosità sulle chiese e oratori del Delta del Po da scoprire ultima modifica: 2021-11-05T09:22:57+01:00 da Nicola Donà

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Letizia Guerra

La Chiesa di Mazzorno Sinistro è dedicata a San Giorgio. A San Rocco era dedicata una festa particolarmente sentita dopo l’epidemia di colera a cui si lega il fatto ritenuto miracoloso. Sembra, poi, che, per accertare la fine dell’epidemia, furono posti due pani, da una parte e l’altra del canale che divideva allora la parrocchia di Mazzorno da quella di Loreo. Sorprendentemente il pane messo sulla riva dalla parte di Mazzorno rimase buono, mentre l’altro divenne nero, a testimoniare ancora la presenza della terribile malattia.

Promuovi la tua azienda in Italia e nel Mondo
To Top
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x