GLI ADRIESI RACCONTANO ADRIA

itAdria

EVENTI STORIA

Buon Compleanno Delta: 416 anni dal Taglio di Porto Viro

Locandina Sedici Settembre

Era il 16 settembre del  1604 quando il provveditore al taglio Zuan Giacomo Zane comunicava al Doge di Venezia, Marino Grimani le seguenti parole.  “Hoggi alle ore 19 (mezzogiorno), con il favor del Signor Dio, si ha data l’acqua al novo taglio. La quale vi è entrata per cinquanta e più aperture che si sono fatte nel medesimo tempo all’ argine. Et doppo haver  fatto un poco d’empito, in spatio d’un’hora in circa si parizò con l’altra acqua dell’alveo, et continuò il suo corso. Come fu tuttavia placidissimamente. Piaccia al Signor Dio che come ha principiato a correre con molta felicità. Così continui per sempre et nella escrescenza di Po. Portandovi quelle maggiori acque che si spera apporti a Vostra Serenità quel servitio che è desiderato a beneficio publico …”. Buon Compleanno Delta.

Marino Grimani
Marino Grimani 89° doge di Venezia (1595 – 1605)

I motivi e le cause

Buon Compleanno Delta. Vediamo ora quale furono le cause che portarono la Repubblica di Venezia a realizzare il Taglio di Porto Viro, un’imponente opera di ingegneria idraulica. Opera che diede poi origine alla nascita dell’attuale Delta moderno. La terra più giovane d’Italia. Nel 1152, a seguito di forti e frequenti precipitazioni, il Po ruppe gli argini in più punti presso Ficarolo ed allagò la campagna e le valli del Polesine. La rotta rimase poi disalveata per circa una ventina d’anni e a seguito di ciò l’idrografìa del Delta cambiò. Alla fine del ‘500  il ramo del Po di Tramontana divenne quello principale e la sua corrente portava i sedimenti del fiume verso la Laguna Veneta minacciando di interrarla.  È ipotizzabile che, perdurando questa situazione, il Delta si sarebbe sviluppato in direzione nord-est, chiudendo nella Laguna la bocca di Chioggia e forse quella di Malamocco con serie conseguenze economiche per la Repubblica di Venezia.

Il Delta Del Po Dopo La Rotta Di Ficarolo
Il Delta del Po dopo la rotta Di Ficarolo 1152

Il taglio di Porto Viro

Per scongiurare quanto sopra esposto, Venezia decise di deviare il corso del fiume con un’opera unica e straordinaria.  II primo progetto di un taglio (deviazione) del Po si trova in una relazione del 1556, fatta dagli ingegneri veneziani Cristoforo Sabbadino e Giovanni Carrara. Nel 1558 Giacomo Gastaldi, celebre cartografo, propose a Venezia di tagliare il Po nei pressi di Porto Viro. Il progetto più complesso fu proposto nel 1562 al Senato Veneto da Marino Silvestri, ricco possidente di Loreo, e prevedeva lo scavo di un nuovo alveo. Il 17 novembre 1569 anche l’umanista adriese Luigi Groto chiese al Senato di effettuare il taglio.

Buon Compleanno Delta Progetto Taglio
Il progetto del taglio di Porto Viro

Buon Compleanno Delta. Un’opera unica e straordinaria.

I lavori iniziarono nel 1600, con qualche centinaio di operai che presto diventeranno più di 1000. Furono asportate nello scavo del nuovo alveo, della lunghezza di circa 7000 metri, migliaia di metri cubi (oltre 54.000) di terra e sabbia. Ricordiamo che al tempo i mezzi a disposizione erano badili e carriole, carri trainati da animali.  I lavori continueranno non senza problemi per quattro anni con una spesa complessiva di 257.823 ducati (circa 25 milioni di €). Se prima del 1600 il Delta si espandeva di circa 53 ettari l’anno, dal 1604 al 1840 si passò a 135 ettari l’anno.

Buon Compleanno Delta Evoluzione Del Delta
Le antiche terre in epoca etrusca e le nuove dopo il taglio di Porto Viro.

La colonizzazione del Delta da parte delle nobiltà veneziane.

Man mano che si formavano queste nuove terre il Senato, tramite vendite all’asta le affidava alle varie nobiltà veneziane con l’impegno di bonificarle e renderle fertili. Di queste nobiltà, nel delta del Po Veneto ne rimangono ancore le testimonianze, con le varie ville e località da cui hanno preso il nome preceduto dal termine Cà che sta per casa o casato. Ecco allora località come Cà Pisani, Cà Zuliani, Cà Vnier, Cà Morosini, Cà Zen, solo per citarne alcune. Ma anche paesi come Donada (i Donà) o Contarina (i Contarini) o piccole frazioni come Gorino Sullam ad esempio.

Buon Compleanno Delta Ca Zen
Tenuta Cà Zen

La terra più giovane d’Italia

Per ricordare e celebrare questo compleanno sabato 19 settembre ’20 si svolgeranno alcune manifestazioni, una buona occasione che vi consigliamo per visitare il magico Delta, la terra più giovane d’Italia.

Locandina Sedici Settembre Bis Settembre
Gli eventi della celebrazione.
Buon Compleanno Delta: 416 anni dal Taglio di Porto Viro ultima modifica: 2020-09-16T08:00:00+02:00 da Nicola Donà
To Top